Maria, le scale di Sanremo e le nostre borse artigianali

cane-scale-teabag1928

Che c’entrano le scale di Sanremo che Maria De Filippi non ha voluto scendere con noi e le nostre borse artigianali?
C’entrano moltissimo. Ecco perché.
La De Filippi in una intervista, con linearità, ha detto che lei le scale di Sanremo non le ha scese per il semplice motivo che non sarebbe stata capace di farlo come si deve (sguardo rivolto verso il pubblico, passi sicuri ecc…) e che se lo avesse fatto sarebbe stata un’altra Lei, una lei che non le appartiene. Per lei le scale sono un gradino dove sedersi, ecco così è se stessa.

E cosa c’entriamo noi?
Noi non siamo della generazione dei Millenians, i Social e le loro evoluzioni le conosciamo perché ci siamo impegnate e appassionate a comprenderli e ad utilizzarli, ma alcuni, chiamiamoli, meccanismi, non ci appartengono.

Siamo cinquantenni noi di Teabag1928 e si vede anche dalle foto nella pagina del Chi siamo.
Orgogliose sicuramente che alla nostra età abbiamo avuto la forza e la caparbietà sufficienti per cambiare vita ma vogliamo rimanere ciò che siamo.

Abbiamo un nostro profilo Instagram ma non pubblicheremo mai un video sulle nostre Instagram stories in cui vi raccontiamo che stiamo per andare a fare la spesa, la spesa la facciamo certo anche noi ma è una quotidianità “privata” che pensiamo c’entri anche poco con le nostre borse artigianali.
Non pubblicheremo mai una foto di noi con la faccia acciaccata dal sonno o del laboratoriofficina mentre lo stiamo pulendo dalla proliferazione dei fili (pare che si moltiplichino peggio dei conigli quando tagliamo).

Del laboratoriofficina vi racconteremo per immagini e per parole i dettagli. Un dettaglio della nostra porta in ferro che amiamo, un raggio di sole che regala una luce fantastica alla sedia (rigorosamente vintage) dove ci sediamo per cucire.

laboratoriofficina-porta-ferro-teabag1928

Un dettaglio della piccola collezione dedicata a tutte coloro che hanno nel cuore il libro di Lewis Carroll “Alice nel paese delle Meraviglie” o le colline delle nostre amatissime Marche che ci accompagnano lungo la strada per arrivare al Laboratoriofficina ogni mattina.

pochette-vichy-teabag1928-lavorazione-

Vi racconteremo del perché i Social sono utili, anzi utilissimi per scovare artigiani come noi che poi diventano i nostri fornitori come i ragazzi di Coffee shirt  a cui abbiamo affidato la stampa della nostra piccola collezione dedicata alle “parole” 

parole-borges-coffeeshirt

Vi racconteremo di noi, del nostro lavoro ma a modo nostro, perché noi alle scale da scendere preferiamo i gradini dove sedersi per lasciare libero il pensiero di andare. Gradini da salire uno per volta, a passi da bimba. Discretamente.